Martedì, 11 Aprile 2017 00:00

Infografica o testo strutturato?

Scritto da

Cosa sono le infografiche? Un neologismo che nasce dalle due parole inglesi “information” e “graphic” ovvero informazioni illustrate in formato grafico. Le infografiche sono illustrazioni che hanno lo scopo di informare il lettore facendo uso di grafici, simboli ed immagini stilizzate atte a veicolare con maggior forza il significato dell’intera immagine.

Spesso sono corredate di testi (Parole, didascalie, frasi o aforismi) e di dati numerici (quantitativi, qualitativi o percentuali). In fine sono corredate da elementi decorativi tipici delle infografiche: gli elementi dei diagrammi di flusso: riquadri, cerchi, cilindri, frecce e così via...
Tutto questo, naturalmente, per aiutare l’utente nelle lettura e nell’acquisizione del significato e dell’informazione. Se pensiamo alla… vogliamo chiamarla rivoluzione di Nielsen? … ebbe si capisce che se l’utente non legge più ma scannerizza una pagina web allora capiamo bene che l’infografica sembra, in definitiva, lo strumento più vocato per l’uso web. Una delle prime conclusioni quindi è che basta più il testo strutturato e ben scritto, o che abbia una buona logica narrativa ed espositiva. Oggi sono cambiate tutte le regole di raccolta dell’informazione e di lettura. Un esempio, più recente e di enorme successo è stato per un decennio sotto agli occhi di tutti e non riguarda il web. Stiamo parlando di una rivista che ha cambiato le regole della carta stampata, stiamo parlando di Wired la famosa testata della casa Condé Nast. La rivista mensile di tecnologia e innovazione, faceva largo uso di infografiche tal volta anche a cavallo di più pagine.  Questo produceva un coinvolgimento potente nella lettura degli articoli.

Fare uso delle infografiche in un sito web.

La tecnica di composizione delle infografiche quindi può certamente essere da coadiuvante alla composizione di pagine web. Uno strumento integrativo che si va ad aggiungere a link ipertestuali, menu, foto, video ed elementi pubblicitari (perché no?)... per la realizzazione di un buon sito web.

Un concetto che stravolge lo sviluppo del web

Jackob Nielsen è un guru americano dell'usabilità dei siti web, una disciplina che già agli inizi degli anni 2000 era del tutto autorevole e presa in seria considerazione dagli sviluppatori web. Coloro che hanno avuto il piacere di leggerlo “Web Usability 2.0” avrà certamente letto un concetto nuovo e del tutto rivoluzionario. Tanto rivoluzionario da passare inosservato ai molti, ma strategico per tutti coloro che fanno web blogging e content writing... Coloro che hanno avuto il piacere di leggerlo “Web Usability 2.0” avrà certamente letto un concetto nuovo e del tutto rivoluzionario. Tanto rivoluzionario da passare inosservato ai molti, ma strategico per tutti coloro che fanno web blogging e content writing con la perizia e la dedizione di Riccardo Esposito (al quale devo un particolare ringraziamento per averci insegnato tutto questo).

Il risultato di una ricerca sugli utenti della rete si può riassumere in una semplice considerazione: le persone non leggo i testi. Li scannerizzano.

Questo è un concetto che stravolge le regole dello sviluppo web e per coloro che non lo sapevano possiamo dire che è già tardi. La conseguenza di questo nuovo “modus operandi” dell’utente web implica un approccio nuovo per la scrittura degli articoli web.
Sicuramente questo implica un maggio uso di strumenti grafici, da un lato, avere una più specifica conoscenza delle tecniche di scrittura web.

Se il nostro scopo è quello di attrarre l’attenzione del lettore, consentirgli una veloce acquisizione dei contenuti di un testo allora formattazione del testo, immagini, colori e perfino il layout di pagina devono essere gestiti con adeguata conoscenza.
Infografiche: un modo nuovo di dare informazioni.

Si parla sempre più spesso di infografiche, sembra un concetto nuovo ma in realtà la televisione, i telegiornali della sera ne hanno fatto largo uso da più di vent’anni.
Qualche buon libro di fisica e di scienza aveva già intuito l’efficacia di illustrazioni di questo genere.

E le conseguenze?

Tutto questo ha un impatto a livello culturale e antropologico, come potrebbe non essere data la larga diffusione del web. Se con l’avvento delle tecnologie digitali abbiamo stravolto la nostra vita quotidiana, allora con l’adozione di nuovi modi di comunicare stiamo cambiando completamente il nostro modo di acquisire informazioni, di imparare ma anche stiamo cambiando il nostro modo in cui … finamo per essere condizionati. Di questo possiamo esserne certi, perché se c’è una cosa che l’infografica sa fare meravigliosamente è proprio quella di creare un’immagine visuale di un’idea e di lasciarla impressa nella nostra mente.

    Per parafrasare il titolo di Rudy Bandiera questi in definitiva sono i “Rischi è le opportunità web 3.0.

Letto 1264 volte Ultima modifica il Giovedì, 11 Maggio 2017 06:42